Mustang Bullitt, una leggenda a quattro ruote

di Piero Evangelisti

Se nella lunga lista dei premi Oscar ci fosse una categoria riservata ad attori non protagonisti inanimati (si fa per dire), come le auto utilizzate dagli attori, una statuetta se la sarebbe sicuramente aggiudicata la Ford Mustang del film cult Bullitt, dove la muscle car di Dearborn è protagonista di uno degli inseguimenti più incredibili della storia del cinema.

Lunga quasi 10 minuti, la sequenza iconica del film vede Steve McQueen/Bullitt al volante di una fastback Mustang Gt del 1968, mentre insegue due sicari per le strade di San Francisco. Nasce così la speciale Mustang Bullitt per celebrare il 50° anniversario del leggendario film, un’edizione limitata che ha come elemento distintivo il motore V8 5.0, aggiornato ad hoc, con Open Air Induction System, collettore di aspirazione, corpi farfallati da 87 mm e calibrazione del modulo di controllo del powertrain per erogare l’esuberante potenza massima di 460 cv con una coppia di 529 Nm.

Una diva che non invecchia

L’iconica Ford Mustang GT del 1968 guidata da Steve McQueen ha fatto la sua prima apparizione, al di fuori degli Stati Uniti, al Festival of Speed di Goodwood di quest’anno. Nel 1968, per le riprese del film furono utilizzate due Mustang GT fastback, identiche tra loro. I due esemplari presero, poi, strade diverse: la Mustang guidata da Steve McQueen nel il film fu venduta dalla Warner Bros a un acquirente privato mentre l’altra, cosiddetta jumper, utilizzata per la parte più intensa dell’inseguimento e per le famose scene del lancio aereo, fu inviata presso un centro di ripristino.

All’inizio di quest’anno, la Mustang jumper è stata scovata in un cantiere di recupero in  Baja California (Messico), e restaurata. Di quella guidata da Steve McQueen si erano completamente perse le tracce fino a poco tempo fa. Sean Kiernan, l’attuale proprietario dell’iconico esemplare, ha ereditato l’auto nel 2014 da suo padre, Robert Kiernan, che lo aveva acquistato nel 1974  per il fortunato autista che accompagnava quotidianamente sua moglie.

Per realizzare il sogno di tutta la sua famiglia, Sean si è messo in contatto con Ford e ha deciso, in occasione del 50 ° anniversario del film, di mostrare la sua auto al pubblico, prima, in gennaio di quest’anno, al Salone dell’auto di Detroit e, successivamente, al Festival of Speed di Goodwood al fianco della nuova Mustang Bullitt.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


TOP