Jeep Renegade, ancora più speciale

di Piero Evangelisti

Con le recenti innovazioni, sia di design sia di equipaggiamento, la giovane Jeep Renegade ha dimostrato di aver raggiunto la piena maturità e di essere quindi pronta per dar vita a edizioni speciali. La prima speciale del Suv compatto di Jeep prodotto in Italia è la Renegade S realizzata sulla versione top Limited e caratterizzata all’esterno dagli inserti Granite Crystal sui diversi badge presenti (“4×4”, “Jeep”, “Renegade” e “S”) e sulle finiture della griglia.

A questi elementi distintivi si aggiungono le specifiche barre sul tetto e gli esclusivi cerchi in lega da 19″ in Granite Crystal. Un look aggressivo al quale contribuiscono interventi mirati sul paraurti anteriore che, nello specifico, sfoggia nuovi fari anteriori e fari fendinebbia, oltre a un nuovo design dell’iconica griglia a sette feritoie. Inoltre, tra le principali novità si segnalano i fari con luci diurne, abbaglianti, proiettori anteriori e fari posteriori full Led, per assicurare ai conducenti efficienza e sicurezza nella guida incrementando del 50% la visibilità rispetto ai fari alogeni e del 20% la luminosità rispetto allo Xeno, e questo grazie alla migliore percezione della profondità e all’illuminazione laterale.

All’insegna di sicurezza ed efficienza

Su Renegade S sono al top la protezione e il comfort di guida grazie a una dotazione di serie che comprende i sistemi Adaptive Cruise Control, Forward Collision Warning-Plus con Active Emergency Braking (sistema di frenata assistita), il Lane Sense Departure Warning-Plus (sistema di avviso di uscita dalla corsia standard su tutta la gamma Renegade) e l’Intelligent Speed Assist dotato di Traffic sign recognition (Tsr).

In combinazione con il sistema Intelligent Speed Assist è possibile adattare la velocità ai limiti che il Tsr stesso ha previamente identificato. Ampia è la gamma di motori disponibili, a partire dal nuovo propulsore benzina 1.3 Turbo T4, a quattro cilindri, con potenza da 150 cv, che assicura la massima efficienza nei consumi e ottime performance sia su strada sia in fuoristrada, per poi passare ai diesel con i propulsori 1.6 e 2.0 MultiJet II aggiornati con Scr (Selective Catalytic Reduction), tutti conformi alla più recente normativa Euro 6/D. La gamma motori è abbinabile a trasmissioni manuali a 6 marce, automatica Ddct (Dual Dry Clutch Transmission) a 6 rapporti e  automatica a 9 rapporti per garantire maggiore comfort e fluidità di guida.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


TOP