Anfia: mobilità sperimentale in Campania 

Sollecitare la massima diffusione dell’iniziativa e attrarre investimenti sul territorio regionale. La Regione Campania ha pubblicato in data 9 maggio con questi obiettivi un bando per Piattaforma tecnologica di filiera “Mobilità Sostenibile e Sicura”. Oltre 100 operatori hanno manifestato interesse ad ANFIA (Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica).

ANFIA, divulgatore di una nuova mobilità 

“Come ci aspettavamo, davanti alla prospettiva di realizzare un progetto così ambizioso, la risposta del mondo imprenditoriale, non solo campano, non si è fatta attendere”, ha commentato orgoglioso Paolo Scudieri, imprenditore campano che da 6 mesi presiede ANFIA. L’organizzazione sta predisponendo un Piano strategico per progettare, sperimentare e diffondere le nuove tecnologie relative alla mobilità. Hanno cooperato attori distrettuali ed associazioni regionali operanti nel settore dei trasporti e della logistica; in un’azione aggregativa su scala nazionale, forte della centenaria esperienza.

Secondo logiche di filiera, piccole, grandi e medie imprese insieme agli Organismo di Ricerca perseguiranno una mansione vitale. Ovvero elaborare innovative soluzioni tecnologiche e verificare i modelli per la mobilità futura. In base alle direttive di intervento del Piano strategico, sarà realizzato un centro sperimentale “reale” nel Comune di Lioni; Borgo abilitato in una dimensione tecnologica 4.0.

Infrastrutture al passo coi tempi 

“Abbiamo attivato 15 tavoli tematici che vedono, ad oggi, la partecipazione di oltre 60 imprese, tutti i centri pubblici di ricerca presenti sul territorio e le 5 università campane – prosegue Scudieri -. Stiamo, inoltre, lavorando con l’amministrazione comunale di Lioni, partner fondamentale per la riqualificazione delle infrastrutture urbane che dovranno essere rese idonee allo sviluppo delle nuove tecnologie, visto che proprio qui si svilupperà il progetto Borgo 4.0. Il focus dei prossimi giorni sarà portare avanti le attività di ideazione della Piattaforma e delle linee progettuali di innovazione e trasferimento tecnologico, proseguendo nel processo di aggregazione e coinvolgimento degli attori della filiera industriale ed accademica interessati a contribuire alla realizzazione del progetto”.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


TOP