Acea, la lobby europea dell’auto fa il punto sull’elettrico

«L’industria automobilistica della Ue vuole lavorare con tutte le parti interessate per rendere una mobilità a emissioni zero una realtà – indica il segretario generale di Acea, Erik Jonnaert -. Per convincere più clienti a passare ai veicoli elettrici, dobbiamo eliminare le incertezze associate alla ricarica: ciò significa che tutti devono avere la possibilità di ricaricare facilmente il proprio veicolo, indipendentemente da dove vivono o dove vogliono viaggiare». La mobilità elettrica, ricorda l’Acea, ha un ruolo cruciale nella decarbonizzazione del trasporto su strada e nel raggiungimento dell’obiettivo climatico dell’Europa.

Il passaggio all’auto elettrica «presuppone un massiccio dispiegamento di infrastrutture di ricarica intelligente localizzate strategicamente in tutta l’Unione». Si tratta di consentire ai conducenti di mezzi la ricarica delle batterie senza compromettere gravemente o sovraccaricare le reti elettriche. Se ci fosse un tale quadro, la stessa industria sarebbe sarebbe stimolata ad accelerare i programmi produttivi.

Secondo Acea, Eurelectric e T&E, è necessario rimuovere tutti gli ostacoli alla diffusione delle infrastrutture e alla crescita della mobilità elettrica. Al fine di rendere la tariffazione a casa, al lavoro e in autostrada facile e accessibile a tutti i conducenti, i responsabili politici dovrebbero riformare e rafforzare la legislazione chiave, come la legge europea sui carburanti alternativi e la direttiva sugli edificì. «Dobbiamo rimuovere tutte le barriere e rendere il passaggio alla mobilità elettrica il più semplice e conveniente possibile, ogni consumatore dovrebbe avere un diritto di connessione e la realizzazione di punti di ricarica pubblici deve essere accelerata:

entro il 2025, abbiamo bisogno di 1,2 milioni di punti di ricarica pubblici in Europa», ha affermato Kristian Ruby, segretario generale di Eurelectric.

Julia Poliscanova, direttore dei veicoli puliti della T&E, ha dichiarato che «nel momento in cui le Case automobilistiche stanno preparando un’ondata di modelli elettrici nuovi e convenienti, dobbiamo garantire il dispiegamento rapido dei punti di ricarica a casa, al lavoro e in viaggio».

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


TOP