F-Pace, il crossover inconfondibilmente Jaguar

Sportivo, elegante, hi-tech e con l’abitabilità che ci si aspetta. A bordo anche l’hotspot Wi-Fi. Motori di razza e una speciale formula offerta per la versione Awd: con Leasing Future il canone mensile è di 500 euro. Tanto lusso e alte prestazioni

Jaguar F-Pace In 72 anni di vita del marchio non si era mai visto un Suv Jaguar, con un’impostazione adatta a ogni tipo di percorso, ma se qualcuno fosse stato tanto sognatore da immaginarla l’avrebbe vista esattamente come la F-PACE. L’auto con la quale la prestigiosa Casa inglese ha fatto il suo debutto in un segmento nuovo e combattuto mantiene uno strettissimo legame con lo stile dei modelli più autorevoli del passato e di oggi, a cominciare dalla F-TYPE. Confonderla con il prodotto di un altro costruttore è impossibile ed era esattamente questo l’obiettivo di Ian Callum, direttore del design, che al lancio ha commentato:
«Rimanendo fedeli ai nostri principi progettuali, abbiamo creato F-PACE perché fosse immediatamente riconoscibile come una vera Jaguar, un’auto che offre tutto lo spazio interno che ci si aspetta e molto altro, ma, grazie al nostro approccio metodico a superfici, proporzioni e purezza delle linee, abbiamo progettato quello che io ritengo essere il veicolo più equilibrato ed attraente nella sua classe».

Far convivere le forme attraenti di una carrozzeria di gran classe, plasmate da un mix di sportività e di eleganza, con l’assetto rialzato e gli altri elementi tipici di uno sport utility non è assolutamente semplice e non sempre chi ha tentato questa strada ha centrato l’obiettivo. Tuttavia Jaguar ha potuto contare sull’esperienza di Land Rover, marchio appartenente allo stesso Gruppo e icona incontrastata per quanto riguarda le 4×4 e i Suv di classe ad alte prestazioni. Il risultato è una F-PACE che non condivide carreggiata e interasse di nessun altro modello già in listino e che si presenta con un’abitabilità di riferimento per il segmento, anche per quanto riguarda lo spazio a disposizione delle gambe di chi occupa il divano posteriore. Merito della Lightweight Aluminium Architecture, la struttura modulare che consente di posizionare le ruote nei punti esatti che permettono di conciliare le esigenze di designer e ingegneri, al fine di avere le giuste proporzioni ma anche la tenuta e la stabilità che servono a un Suv dalle prestazioni elevate.
La struttura in alluminio, che contribuisce a contenere il peso in 1.665 kg è uno dei punti di forza di questo modello, ma non è l’unico. Alla notevole cura nella realizzazione degli interni, che prosegue la tradizione Jaguar, si aggiungono sistemi di infotaiment all’avanguardia, che comprendono l’InControl Touch Pro che sfrutta uno schermo da 10,2 pollici dalla grafica personalizzata che si usa come un tablet. Il tutto è completato da un hotspot Wi-Fi al quale si possono connettere fino a otto dispositivi e da una strumentazione Hd virtuale da 12,3 pollici integrato con il navigatore full-screen 3D e l’head-up display, il sistema che proietta le informazioni di bordo davanti al parabrezza.

jaguar Anche i motori sono di razza, si parte dal quattro cilindri di due litri alimentato a gasolio da 180 cavalli e cambio manuale a sei marce, l’unico disponibile nella doppia opzione a due ruote motrici e AWD, per passare ai tre V6 da ammiraglia, proposti in combinazione con la trasmissione automatica sequenziale a otto rapporti. Sono il turbodiesel 3.0 da 300 CV e i sei cilindri a benzina da 340 e 380 CV che equipaggiano le versioni a trazione integrale. Si tratta di meccaniche che riescono a soddisfare ogni tipo di esigenza, con il “piccolo” 2.000 a trazione anteriore che riesce a percorrere 20,4 km con un litro di gasolio, con emissioni di 129 g/km di Co2, e il poderoso V6 a benzina nella configurazione più potente che riesce a far raggiungere alla F-PACE i 100 km/h in soli 5,5 secondi.
Il Suv Jaguar è rapidamente riuscito a rimpiazzare le rivali tedesche nei sogni di molti automobilisti, senza tuttavia essere un sogno proibito. Con la formula Leasing Future, F-PACE con trazione integrale All Whell Drive Jaguar può essere parcheggiata sotto casa con un canone mensile di 500 euro. E con la possibilità di usufruire del programma Jaguar Care, che comprende tre anni di manutenzione, garanzia e assistenza stradale a chilometraggio illimitato in tutta Europa.

Valerio Boni

6 Comments

  1. Giuseppe Mazzoli says:

    Ho avuto la disgrazia di possedere una S Type. Peggio che le peggiori FIAT, verso il 100mila km sempre qualcosa che non andava, sempre qualcosa di rotto. Pure una ruota si è staccata. Uno vero cesso. Sicuro che di Jaguar non ne comprerò mai più.

  2. Galileo Pinto says:

    Ma quanto costano?

  3. Sir Singler says:

    L’impronta Toyota rovina tutto…

  4. gianfranco says:

    Ottima auto, ma dovete fare offerta per la versione 3000 td awd con cambio automatico

  5. leone says:

    La Toyota c’e’ tutta in questo suv

  6. vierno says:

    In questa linea la Toyota c’e’ tutta.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


TOP