Veicoli industriali, un mercato “a dente di sega”

di Gianandrea Ferrajoli*

In Italia, a maggio, in base ai dati pubblicati dall’Associazione Europea Costruttori Automobilistici, le immatricolazioni di veicoli commerciali e industriali hanno avuto un incremento del +4,7% e del +3,9% nei primi cinque mesi dell’anno. La domanda è stata sostenuta in tutti i segmenti. Il dato positivo va sempre accolto con soddisfazione, anche se sappiamo essere influenzato in gran parte da motivi non strettamente legati alla crescita dell’economia, come ci piacerebbe, ma da fattori che stanno stimolando le immatricolazioni. Ci riferiamo in particolare alla spinta determinata dalla entrata in vigore dell’obbligo del nuovo tachigrafo intelligente a metà giugno e al superammortamento per i veicoli pesanti.

Nei prossimi mesi potremmo assistere a un mercato “a dente di sega”, ossia condizionato dalla presenza di elementi esogeni di stimolo. Per questo motivo è necessario anzitutto che sia al più presto emanato il decreto investimenti per il periodo 2019/2010.

*Vicepresidente di Federauto e Coordinatore del Gruppo Trucks

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


TOP