A Torino la prima auto a guida remota con il 5G

Le potenzialità della rete 5G in scena per due giorni a Torino dove anche il grande pubblico, per la prima volta in Italia, attraverso una serie di demo ‘live’, potrà avere un assaggio dei principali servizi innovativi, dall’autodi serie guidata da remoto al turismo virtuale in Hd, da soluzioni smart City per l’ottimizzazione dei servizi pubblici alla robotica industriale e droni per il monitoraggio ambientale.

Torino s’illumina

Per l’occasione, Tim, che si è aggiudicata per 2,4 mld di euro le frequenze messe in gara dal Mise, in collaborazione con Ericsson e il Comune, ha acceso in piazza Castello la prima antenna 5G a onde millimetriche in un centro storico italiano. Davanti a Palazzo Madama, il fiore all’occhiello dell’iniziativa, la primaautoconnessa e guidata da remoto su rete 5G: all’interno di Palazzo Madama è collocata la postazione a guida remota con accesso ai relativi flussi video provenienti dallesterno dove la macchina si muove in un’area protetta della piazza. La piattaforma di controllo presente sull’auto raccoglie in tempo reale dati e contenuti multimediali dai diversi sensori, telecamere e radar installati, trasmettendoli alla postazione remota.

Auto a guida remota con il 5G, come funziona

L’applicazione permetterà nei prossimi mesi di avviare il progetto Smart Road per la sperimentazione su più larga scala delleautoa guida autonoma in alcune aree protette della città. “Torino continua a puntare all’innovazione e a dimostrarsi città laboratorio - ha sottolineato l’assessora comunale  allInnovazione, Paola Pisano - con Tim ed Ericsson apriamo le porte ai testing legati al 5G anche ai cittadini, perché possano interagire e capire al meglio il lavoro che stiamo facendo e lo sforzo che la città sta mettendo per trasformarsi e stare al passo con i tempi. L’obiettivo primario di questa amministrazione è l’interazione  della sperimentazione con i cittadini, l’impatto sociale e i feedback della città perché tutto nasce per dare nuovi servizi alla città e nuove opportunità ai nostri cittadini”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


TOP