Salone del mobile, automotive e baggianate

 

E anche quest’anno arriva il Salone del Mobile, l’evento mondial-meneghino che celebra la capacità soprattutto del made in Italy del design e della produzione di oggetti di alto valore aggiunto.

Ma fosse solo l’evento fieristico, celebrato nei padiglioni di Rho Fiera, a scaldare gli animi di albergatori, ristoratori e taxisti! Invece tutta la città si trasforma in un grande happening psico-social, dove installazioni spesso vomitevoli, vengono giustificate dal momento creativo inconsulto di chiunque decida di diventare designer e amplificato da una miriade di “blogger” o cosiddetti “influencer”.

Ecco siamo arrivati al delirio completo. Un tempo questo evento così importante per la cultura e perché no anche l’arte si manifestava, http://farmaciaitaly.com/cialis.html oltre che in Fiera, negli showroom di chi questo settore si occupava. Oggi anche il negozio della parrucchiera di Lambrate, senza nulla togliere al mestiere e all’importanza del suo operato, si prodiga per organizzare una settimana dedicata all’acconciatura di tenzenda o futurista.

E purtroppo anche nel mondo automotive, ormai alla ricerca spasmodica di qualsiasi attività di comunicazione per attirare nuovi clienti o dimostrare la sua superiorità, si cimentano in qualsiasi baggianata che abbia a che fare con il magico termine “evento social”. E qui Pr di solito affacendati con prove e comparative di prodotto si trasformano in fini conoscitori di designer e stilisti circondati da improbabili comunicatori e trend setter.

Che tristezza.

2 Comments

  1. Verità vera caro Pierluigi. La creatività non ha limiti

  2. Verità vera caro Pierluigi. Non c’è limite alla creatività….

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


TOP