Porsche 911: il capolavoro di Zuffenhausen 

Il 27 novembre l’ottava generazione della Porsche 911 ha celebrato la sua anteprima mondiale a Los Angeles, 55 anni dopo il debutto del modello originale 911. Questa è una ragione sufficiente per dare un’occhiata alle sette generazioni precedenti.

Porsche 911, la leggenda

Una leggenda è nata al Salone Internazionale dell’Automobile di Francoforte. È il 12 settembre 1963: Porsche presenta con orgoglio l’atteso successore della 356. La nuova vettura sportiva, originariamente conosciuta come la 901, sta seguendo le orme. Per rispecchiare le ambizioni del marchio, Porsche sta giocando in un campionato superiore con il nuovo modello: un motore piatto con sei anziché quattro cilindri e raffreddato ad aria nella migliore tradizione dell’azienda, ma consegnando subito 130 PS. Quando il nuovo modello entrò nel mercato nel 1964 fu chiamato il 911, al termine di una discussione sui diritti di denominazione con il produttore automobilistico Peugeot. La 911 viene rapidamente accettata come una “vera” Porsche perché le prestazioni della nuova vettura sportiva superano tutte le aspettative. Il palcoscenico è quindi impostato per una carriera globale senza rivali.

L’espansione della gamma

L’espansione della gamma di modelli 911 è proseguita rapidamente. Nel 1965, Porsche rispose a una discussione negli Stati Uniti che aveva etichettato cabriolet come pericolosi in un modo tipicamente pragmatico: la società presentò la 911 Targa come la prima “cabriolet di sicurezza”, con un roll-bar che era un buon 20 centimetri di larghezza, una sezione del tetto rimovibile e mini capote posteriore. Questo era noto come la finestra morbida. Nel 1966, un’altra icona del design festeggiò la sua anteprima mondiale insieme alla 160 PS 911 S: la ruota Fuchs. Probabilmente la ruota più famosa della storia automobilistica è entrata in un nuovo territorio tecnologico: essere forgiati da un pezzo lo ha reso molto più leggero.

Mille varianti, un capolavoro

Altre varianti di modello furono pronte nell’autunno del 1967: la 911 T con 110 PS completò la gamma sotto il modello di punta 911 S e la 911 E – il suffisso “E” rappresentava l’iniezione di benzina. Ciò lo ha reso molto pulito: con queste varianti, Porsche è stata la prima casa automobilistica tedesca a rispettare le rigide normative statunitensi sulle emissioni. 

La Porsche 911 Carrera

La 911 Carrera RS 2.7 è diventata leggenda con il suo spoiler posteriore “duck-tail”. Questa vettura sportiva pesa solo 1.000 chilogrammi, ha sviluppato una potenza di 210 CV e una velocità massima di oltre 245 km/h. In tutto, 1.525 auto hanno lasciato i cancelli della fabbrica di Zuffenhausen. Questo modello ha quindi incoronato la prima generazione del 911. Un totale di 111.995 911 originali furono prodotti tra il 1963 e il 1973.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


TOP