Più sicurezza per le forze dell’ordine che operano sulle strade

di Giordano Biserni*

Si continuano a registrare sinistri stradali ai danni delle forze di Polizia e – purtroppo – anche di grave entità. Il 20 luglio, infatti, abbiamo assistito all’episodio accaduto nel Foggiano in cui è deceduto un ragazzo di 15 anni a causa di un impatto frontale tra un motociclo e una macchina della Guardia di Finanza, mentre lunedì scorso un terribile incidente ha provocato la morte di un  poliziotto che in moto  stava rientrando a casa dopo il suo turno di lavoro.

È sempre troppo alto il rischio per gli operatori di “incappare” in un incidente stradale poiché numerosi e pericolosi sono i compiti che sono chiamati a svolgere durante l’attività lavorativa. Che si tratti di un “semplice” servizio di vigilanza o, come spesso accade, durante le operazioni di soccorso al cittadino, indossare una divisa equivale ad un rischio elevato di sinistrosità stradale.

In quanto Associazione nata per favorire l’incremento del livello di sicurezza stradale e per dare voce alle esigenze degli operatori non restiamo in silenzio; anzi, oltre a sottolineare il problema, ci stiamo mettendo in moto per individuare soluzioni e ci prendiamo l’impegno di fornire presto nuovi strumenti di tutela.

*Presidente di Asaps

 

1 Comments

  1. Emidio says:

    La parola d’ ordine è formazione!
    È vero che gli operatori del settore sono esposti a rischi specifici, ma come tutti i lavoratori del mondo; Il d.lgs.81/08, obbliga i datori di lavoro a informare e formare tutti i lavoratori sui rischi che corrono durante l’ espletamento dell’attività lavorativa e ad attuare misure in quel senso. I corsi di guida sicura sono la soluzione…In Italia però si pensa ad altro…Anche il testo del nuovo codice della strada purtroppo non contempla i corsi.
    Io sono un istruttore di guida sicura e le dico che la consapevolezza dei rischi che si corrono, come la conoscenza della giusta tecnica di guida aiutano ad evitare tragedie, tra i civili, i militari e i lavoratori.
    Spingete su questo per favore!
    Sono disponibile ad un confronto sig. Biserni. Mi scriva se vuole.
    Non è normale che i “cattivi” guidino meglio dei ” buoni”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


TOP