Il rinnovo del parco dei veicoli merci è prioritario

di Sandro Mantella*

Se l’andamento registrato dallo scorso aprile sarà confermato nei prossimi mesi, il 2018 chiuderà con esito negativo rispetto al 2017. Questo risultato dipende fortemente dalla mancanza di un sostegno strutturale al rinnovo del parco dei veicoli destinati all’autotrasporto merci, che faccia parte integrante di una politica di lungo periodo finalizzata alla ripresa complessiva del settore”.

Per quanto riguarda i veicoli rimorchiati in particolare, la destinazione dei fondi per gli investimenti ai soli veicoli allestiti per il trasporto intermodale sta esaurendo la sua capacità di spinta al rinnovamento del parco.

Da tempo sottolineiamo che reali problemi di sicurezza si presentano sulle strade percorse da traini con rimorchi o semirimorchi obsoleti, non dotati dei dispositivi oggi prescritti per la loro omologazione ed immatricolazione. Pertanto, ribadiamo che un effettivo rinnovo del parco deve passare anche attraverso il sostegno, contro rottamazione dell’usato, del mercato dei rimorchi e semirimorchi per solo uso stradale, prevalentemente impiegati per i trasporti interni, accompagnato da un severo controllo sull’importazione dell’usato dall’estero.

Siamo convinti che la prossima Legge di Bilancio non possa ridurre, e tanto meno eliminare, gli incentivi all’autotrasporto destinati al rinnovo del parco dei veicoli per il trasporto di merci, nonché quelle disposizioni più generali che prevedono interventi finanziari e/o fiscali dei quali il settore può comunque usufruire, anche per poter diffondere le tecnologie più avanzate.

Il progresso economico è destinato a ulteriori sofferenze, se la circolazione delle merci non può essere garantita alle migliori condizioni di sostenibilità, economicità e sicurezza dell’autotrasporto italiano, in corrette condizioni di competitività con quello degli altri Paesi europei. La possibilità di rinnovo del parco è giunta a saturazione?

*Coordinatore del Gruppo Rimorchi, Semirimorchi e Allestimenti di Unrae

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


TOP